Indirizzo Enogastronomico e ospitalità alberghiera

#AMAtriceSiamoNOI

La comunità scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi di Catania ha organizzato un evento di solidarietà  a favore di Amatrice e delle altre zone colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto 2016.
Durante la manifestazione, che si è tenuta negli spazi all’aperto del Plesso di Viale Nitta il 26 novembre 2016, si è potuto gustare un’ottima Amatriciana preparata e servita dagli studenti dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi, sotto la guida dei loro docenti, alla quale è seguita una Fiera del Dolce pensata espressamente per l’evento.
L’intero incasso è stato devoluto alle popolazioni colpite dal sisma.

Il primo anno scolastico dell’Omnicomprensivo Pestalozzi

collage indirizzo alberghiero

Il 2015/16 è stato un anno scolastico speciale per la scuola Pestalozzi, che da istituto comprensivo è divenuta Omnicomprensivo, con l’attivazione del primo anno dell’istituto professionale di stato per i servizi di enogastronomia e ospitalità alberghiera.

Un lungo e articolato percorso, non privo di difficoltà e ostacoli, ha permesso, grazie alla collaborazione di un gran numero di protagonisti che si sono spesi in favore della presenza sul territorio di Librino della scuola secondaria di secondo grado e all’impegno politico del Sindaco della città di Catania Enzo Bianco e del Governatore della Regione Sicilia Rosario Crocetta, di  giungere all’importante traguardo dell’istituzione, con il diretto intervento del Ministro Stefania Giannini, dei due istituti omnicomprensivi Pestalozzi e Musco, il 20 marzo del 2015.

Il Presidente della Regione, il Sindaco e gli Assessori per l'istituzione degli istituti omnicomprensivi

Il Presidente della Regione, il Sindaco e gli Assessori per l’istituzione degli istituti omnicomprensivi

Finalmente sul territorio di Librino, una vera città nella città, dove risiede un gran numero di famiglie, viene colmata una grossa lacuna, la mancanza cioè di istituti di istruzione secondaria di secondo grado, che diano l’opportunità di proseguire in maniera più agevole a tutti il percorso di studi dopo aver terminato il primo ciclo con gli esami di terza media, riducendo così in prospettiva futura il fenomeno dell’abbandono scolastico, che, dati alla mano, è molto significativo sul territorio nel passaggio dalla scuola media alle superiori, anche a causa del fenomeno del pendolarismo verso le scuole del centro della città, al quale sono costretti i ragazzi della zona.

La formula dell’istituto omnicomprensivo, inoltre, ha, per sua natura, un forte orientamento alla verticalità, con una cura dettagliata degli alunni che possono essere seguiti con attenzione particolare in tutti i passaggi cruciali del loro percorso umano e di studenti, dall’infanzia, attraverso tutti i gradi di istruzione, fino alla maturità, elemento questo non trascurabile, anzi fondamentale in un territorio in cui sono presenti anche realtà di forte disagio sociale.

La scelta, per quanto riguarda la Pestalozzi, dell’indirizzo professionale di stato per i servizi di enogastronomia e ospitalità alberghiera è stata elaborata a partire dalle esigenze precipue del territorio e da un attento studio della richiesta dell’utenza e del territorio da un punto di vista della ricaduta occupazionale, essendo il settore turistico e alberghiero quello in maggiore crescita e sicuramente l’investimento più adeguato per una terra come la Sicilia, così ricca di cultura, storia, arte e tradizioni.

E il territorio ha immediatamente risposto, dimostrando di condividere la scelta, tant’è che già per il primo anno scolastico è stato possibile formare due classi prime, nonostante l’istituzione dell’istituto omnicomprensivo sia avvenuta a iscrizioni ormai concluse.

Sin dal primo quadrimestre gli alunni hanno potuto effettuare le prime esercitazioni di cucina, di sala bar e di accoglienza turistica, che sono culminate in alcuni momenti importanti nel corso dell’anno scolastico, con alcuni eventi pubblici che hanno mostrato al territorio la vitalità del nuovo indirizzo di studi: l’Open Day, la manifestazione conclusiva dell’Unità di Apprendimento interdisciplinare “Che Bedda Catania – Un percorso fra storia, arte, monumenti e sapori di Catania“, il “Café – Concert: Musica, parole e sapori” realizzato, in un’ottica di continuità verticale, con l’indirizzo musicale della scuola secondaria di primo grado.

Open Day dell'Istituto Professionale per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera

Esercitazioni di cucina

Questo slideshow richiede JavaScript.

Esercitazioni di sala bar

Che Bedda Catania - Un percorso fra storia, arte, monumenti e sapori di Catania

Café-Concert: Musica, Parole e Sapori

Concluso questo primo anno scolastico, l’istituto professionale di stato per i servizi di enogastronomia e ospitalità alberghiera dell’Omnicomprensivo Pestalozzi si affaccia al futuro, con tre nuove classi prime e la prosecuzione delle due classi seconde, con nuove sfide e tanti ragazzi che continueranno il loro percorso di studi, trovando “il gusto del sapere, per il lavoro di domani“.

Tutto sull’IPSSEOA dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi
Vai alla pagina

 

Café Concert: musica, parole e sapori

Le tradizione del caffè concerto e del salotto letterario rivivono all’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi, in una nuova iniziativa dal titolo “Café Concert: musica, parole e sapori“, che si è svolta nel pomeriggio del 1º giugno 2016, curata dai docenti e dagli alunni della scuola secondaria di primo grado a indirizzo musicale e dell’indirizzo per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera di scuola secondaria di secondo grado, i due settori che, posti in un rapporto di continuità educativa,  rappresentano elementi di grande caratterizzazione per l’istituto omnicomprensivo.

La sala refettorio del Plesso di Viale Nitta si è trasformata in un luogo di ritrovo, dove gli intervenuti hanno potuto assistere a declamazioni di letture ed esibizioni musicali, intrattenendosi piacevolmente ai vari tavoli, ai quali i ragazzi del primo anno dell’istituto alberghiero hanno servito specialità da loro preparate e allestite, ricreando così un’atmosfera tipica dei luoghi di ritrovo del passato, in cui fondere il piacere di stare insieme, i sapori, la musica e la letteratura.