Attività e progetti

Differenziamoci

il progetto

DIFFERENZIAMOCI è un progetto che coinvolge le scuole primarie e secondarie di primo grado individuando al loro interno tra i docenti un ambasciatore ambientale e un team ambientale. Essi, seguendo un percorso formativo, hanno l’incarico di attivare all’interno delle loro scuole percorsi di sensibilizzazione, progettazione e sperimentazione con l’utenza sul tema dell’educazione ambientale focalizzato in particolare sul problema dei rifiuti e del loro smaltimento, sul valore della raccolta differenziata e dell’uso responsabile delle risorse.

Lungo il percorso le scuole condividono e sperimentano un curricolo ambientale e forme di didattica laboratoriale sul riuso e il riciclo dei materiali. Quest’anno nel nostro istituto Differenziamoci coinvolge le classi quarte e quinte della scuola primaria e le classi prime della secondaria di primo grado con particolare coinvolgimento delle classi 4D- 5A-5E e 1A (secondaria).

le attività

I ragazzi delle 5 A e 5 E e 4D di scuola primaria e della 1A di scuola secondaria di primo grado, dopo aver discusso di raccolta differenziata e riciclaggio, vanno in giro per il quartiere per il SAFARI FOTOGRAFICO raccogliendo immagini che documentano la situazione dei rifiuti nei dintorni della scuola.

Padlet

https://padlet.com/giulia_testa1/yx1lt40q4ui1

 

Il Palazzo degli Elefanti e i suoi interni

La simulazione del Consiglio Comunale

Il 3 novembre 2016, a conclusione del progetto proposto dal comune di Catania dal titolo “Il Palazzo degli Elefanti e i suoi interni”, dopo una prima giornata nella quale gli alunni delle classi prime della scuola secondaria di primo grado del nostro Istituto hanno assistito ad una proiezioni di immagini relative alla storia della nascita della nostra città, i ragazzi sono stati attori in una simulazione di consiglio comunale.
Hanno preparato proposte che sono state illustrate alla giunta, composta dai docenti e dal presidente del consiglio, che ha dato risposta a queste richieste.

 

100 idee per Catania alla Giunta Comunale

Una rappresentanza degli alunni della classe Quarta E ha presentato oggi alla Giunta Comunale il proprio progetto di Casa/Biblioteca sugli alberi.

Il progetto, vincitore del concorso Cento idee per Catania, è stato apprezzato per l’originalità, la capacità di coniugare amore per la cultura e gioco, fantasia e fattibilità.

Relativamente a quest’ultimo aspetto i componenti la commissione valuteranno a breve dove realizzare il progetto, che da sogno speriamo presto diventi realtà.

Claudia Grassi

Sport di Classe anno scolastico 2015/16

Anche quest’anno, come da tradizione, l’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi ha preso parte al Progetto “Sport di classe”, in collaborazione con MIUR e CONI; l’iniziativa prevede che, in alcune ore di educazione fisica, l’insegnante di classe venga supportata da esperti esterni, in possesso di specifiche competenze; quest’anno hanno operato nel nostro istituto due esperte, Chiara Lombardo e Roberta Patanè. La manifestazione conclusiva del percorso progettuale, organizzata dalla docente Maria Piana, ha coinvolto tutti gli alunni di scuola primaria che si sono dati appuntamento nella palestra di viale Nitta per “scontrarsi” in campo davanti ai propri genitori; poiché l’argomento principe di quest’anno era il benessere, tutte le squadre hanno assunto come simbolo identificativo frutti ed ortaggi.

La manifestazione sportiva si è svolta in due tornate: lunedì 30 maggio a gareggiare sono stati gli alunni delle classi TERZE, QUARTE, QUINTE; la sfida agguerritissima li ha visti protagonisti di un gioco a squadre,un misto di rugby e pallamano, a tutto campo; a trionfare sono stati gli alunni delle classi III D – IVE – V C; in campo si è mantenuto un certo livello di correttezza e di sportività e non è certo mancato il tifo dei genitori che dalle gradinate supportavano i propri figli, non disdegnando anche consigli tecnici.

Lunedì 6, invece, a scontrarsi sono stati gli alunni delle classi PRIME e SECONDE che hanno dato il via ad una gara di “tris da terra” con cerchi e mattoni: a primeggiare in questa prima gara sono state rispettivamente I B e II D. Nella seconda sfida bisognava essere velocissimi nella staffetta a coppie tenendosi a braccetto e saltellando a piedi uniti; stavolta ad avere la meglio sono state la I A e la II E.

La manifestazione è stata allietata dal variegato sottofondo musicale passato alla consolle dalla mano sapiente dell’insegnante Guzzetta Orazio, che si mostra sempre disponibile a questo genere di collaborazione, così come le due giudici di gara, le insegnanti Di Carlo Carmela ed Elisa Furnari.

Se l’avvio di ciascuna gara prevedeva l’esecuzione dell’Inno di Mameli la conclusione prevedeva che tutti i bimbi fossero premiati con un attestato ed una medaglia di partecipazione; perché lo sport non deve necessariamente dividere ma può unire tutti in un unico gruppo che vive un momento di vita scolastica lontano dai banchi ma ugualmente importante per insegnare il rispetto delle regole, la sportività, la condivisione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Café Concert: musica, parole e sapori

Le tradizione del caffè concerto e del salotto letterario rivivono all’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi, in una nuova iniziativa dal titolo “Café Concert: musica, parole e sapori“, che si è svolta nel pomeriggio del 1º giugno 2016, curata dai docenti e dagli alunni della scuola secondaria di primo grado a indirizzo musicale e dell’indirizzo per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera di scuola secondaria di secondo grado, i due settori che, posti in un rapporto di continuità educativa,  rappresentano elementi di grande caratterizzazione per l’istituto omnicomprensivo.

La sala refettorio del Plesso di Viale Nitta si è trasformata in un luogo di ritrovo, dove gli intervenuti hanno potuto assistere a declamazioni di letture ed esibizioni musicali, intrattenendosi piacevolmente ai vari tavoli, ai quali i ragazzi del primo anno dell’istituto alberghiero hanno servito specialità da loro preparate e allestite, ricreando così un’atmosfera tipica dei luoghi di ritrovo del passato, in cui fondere il piacere di stare insieme, i sapori, la musica e la letteratura.

Primo premio per “Cento idee per Catania”

Il 6 giugno 2016 si è svolta, nella sala conferenze del Palazzo della Cultura, la premiazione del concorso, “Cento idee per Catania – i ragazzi per i ragazzi”, bandito negli scorsi mesi dal Comune di Catania.

Il concorso, che aveva tra le sue finalità la promozione del concetto di partecipazione e di corresponsabilizzazione nella gestione della città ai fini dell’acquisizione del senso di appartenenza e della valorizzazione del bene comune, ha visto premiati i lavori e le proposte dei bambini della classe quarta E della nostra scuola primaria, cui in ex-equo, con la Campanella Sturzo, è stato riconosciuto il primo posto.

Il lavoro, frutto di una metodologia altamente partecipativa, coinvolgente e collaborativa, ha sviluppato e tesaurizzato le riflessioni, le idee, la sensibilità e i bisogni dei singoli bambini relativamente al vivere la propria città. Il progetto di una casa/biblioteca sugli alberi ha convogliato riflessioni che hanno coniugato creatività ed immaginazione, educazione al benessere, alla lettura, alla convivenza e al rispetto dell’altro con grande attenzione alla stesura del regolamento da rispettare nella fruizione e alla rappresentazione grafica dei prospetti della struttura.
I bambini e i docenti pienamente soddisfatti del risultato come del lavoro svolto aspettano adesso di presentare presto il loro progetto all’amministrazione comunale per le procedure di fattibilità con la speranza di fruire al più presto di una o più case/biblioteche sull’albero!

… E la pace verrà

Il 25 maggio 2016, all’Auditorium del Plesso di Viale Nitta, è andato in scena lo spettacolo “… E la pace verrà“, realizzato dalla scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi, per la partecipazione al concorso teatrale “La fabbrica della Pace“, promosso dal Comune di Catania Assessorato alla Scuola, Università e Ricerca, Direzione Pubblica Istruzione, Sport, Pari Opportunità in collaborazione con il Teatro Stabile di Catania.

Le rappresentazioni teatrali in concorso sono state ospitate al Plesso di Viale Nitta e lo spettacolo della Pestalozzi si è classificato primo per il segmento della scuola secondaria di primo grado.

La premiazione della Pestalozzi e i ringraziamenti del dirigente scolastico

La premiazione della Pestalozzi e i ringraziamenti del dirigente scolastico

Al termine della premiazione

Al termine della premiazione, i ragazzi sul palco e sotto i dirigenti delle scuole premiate con la dott.ssa Contino del Comune di Catania, l’Assessore Valentina Scialfa e il prof. Donato del Teatro Stabile

Il copione trae spunto dalla visione di quadri famosi che affrontano la tematica della guerra e della pace. La storia si sviluppa in tre momenti il cui filo conduttore è il viaggio di una famiglia Siriana che, costretta ad abbandonare il paese d’origine per via dell’attuale drammatica situazione politica, giunge in Europa sino a trovare rifugio nel quartiere ove sorge la nostra scuola.

È così che il dramma della guerra internazionale si lega alla storia quotidiana della nostra comunità attraversando tre momenti nei quali si esplicita la guerra e la ricerca progressiva della pace, nel mondo, nel quartiere, in sé stessi (macrocosmo-microcosmo). La giovane fanciulla Fatima, divenuta simbolo dell’orrore della guerra, con il suo silenzio attraverserà gli episodi narrati per giungere, nel finale, alla conquista della pace.

“… E la pace verrà”
rappresentazione realizzata dal laboratorio teatrale della Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi di Catania.

primo premio al concorso teatrale
“La Fabbrica della Pace”
promosso dal
Comune di Catania
Assessorato alla Scuola, Università e Ricerca
Direzione Pubblica Istruzione, Sport, Pari Opportunità
in collaborazione con il
Teatro Stabile di Catania

Anno scolastico 2015/16

Auditorium del Plesso di Viale Nitta
Catania, 25 maggio 2016

————–

PRIMO CAPITOLO
La Guerra nel mondo

Voci fuori campo:
Martina Graziano
Elena Piazza
Orazio Papale

Chitarra:
Gianmarco D’amico

Quadro vivente
La fucilazione del 3 maggio di Goya

Condannato a morte:
Orazio Papale

Soldato:
Seby Greco

Soldato caduto:
Emanuele Maira

Soldati:
Dario Canuto
Samuele Marino

Frate:
Seby Mascali

Famiglia Siriana:

Madre (Reza)
Patrizia Velini

Padre (Kaleb):
Luigi Veutro

Figlia (Fatima):
Agata Molino

Figlio (Omar):
Omar Mejri

Camionista:
Mattia Maira

zio (Mohamed):
Mattia Maira

zia (Amri):
Luana Sicali

Brano “Le radici ca tieni” (Sound System)
Voce solista:
Martina Graziano

Chitarra:
Gianmarco D’amico

Video proiezione
“I Siriani in fuga”:

Siriani sul barcone e siriani sulla spiaggia:
Alunni di tutte le classi del plesso centrale

Ivan Mazzeo, Orazio Papale, Alfio Bua,
Roberta Motta, Antonio Ragonesi,
Giorgia Veutro, Alyson Aloisio,
Emanuele Maira, Greta Amato,
Rebecca Finocchiaro, Samuele Scialfa,
Greta Impellizzeri, Alex Tabacco, Sofia Scalia,
Eliana Ruscica, Giada Veutro, Agata Patanè.

Musica della videoproiezione
composta ed eseguita al pianoforte da
Samantha Vergata

Scena dell’incubo
Coreografia dal vivo eseguita da:
Roberta Motta
Greta Amato
Gabriele Costano
Emma Bauer

Musica:
“Firestarter” di Prodigy

SECONDO CAPITOLO
La Guerra nel quartiere:

Donna alla fermata:
Eliana Ruscica

Gruppo malandrini:
Seby Mascali, Alfio Bua
Orazio Papale, Rebecca Finocchiaro

Gruppo buoni:
Omar Mejri, Dario canuto
Samuele Marino, Luciano Alvaro
Enza Sicali

Fatima:
Agata Molino

In scena:
Roberta Motta e Greta Amato

TERZO CAPITOLO
La Guerra con se stessi:

Voce fuoricampo:
Martina Graziano
Orazio Papale

Adolescente in crisi:
Orazio Papale

Entità:
Giorgia Veutro, Enza Sicali, Samuele Marino
Giada Veutro, Alex Tabacco

Personaggi in scena:
Omar Mejri, Seby Mascali, Alex Tabacco
Emanuele Maira, Samuele Marino
Sig.ra Velini, Gabriele Costanzo, Agata Molino

Brano “L’unico confine è il mare”
di Alessandra Pirrone e Giulio Matheson

Realizzazione del progetto:

Docenti:
Diletta Colombrita
(ideazione, redazione copione, messa in scena,
piccola scenografia, coordinamento)

Rosalinda Cavallaro
(ideazione, redazione copione, ricerca musica,
montaggio video proiezioni, messa in scena)

Claudia Gambadoro
(laboratorio scenografia)

Gaetano Sferro
(ricerca suoni, montaggio tracce e assistenza tecnica)

Riccardo Ragusa
(mix)

Animatrici scolastico-culturali:

Maria Mancuso
(messa in scena e coreografia)
Eliana Verzì
(messa in scena)

Con la collaborazione dei Docenti:

Annalisa Mangano
(brani pianoforte e voce solista)

Maurizio Pennisi
(brani chitarra)

Giuseppa Valenti
(realizzazione fiori in stoffa)

Rina D’Angelo
(realizzazione fiori in stoffa)

Cristana Beltrame
(idee per la sceneggiatura famiglia siriana)

Elena Piazza
(voce fuori campo)

Andrea Amici
(realizzazione e montaggio video in teatro)

Collaborazioni Esterne:

Giuseppe Stissi
(Riprese video e montaggio)

Alessandra Pirrone e Giulio Matheson
(canzone e musica dal vivo “L’unico confine è il mare”)

Adriano Aiello
(consulenza drammatizzazione)

Giuseppe Gambadoro
(supporto laboratorio scenografia)

Si ringraziano:

Il consigliere Filippo Petralia
per l’accesso al porto di Catania

Il sig. Angelo Costanzo
proprietario del barcone

I collaboratori scolastici
del plesso centrale e succursale

Le Signore Aurora Aita e Lucia Branciforte per i lavori di sartoria e la Signora Lucia Cinà per il laboratorio di scenografia;

I genitori di tutti gli alunni, per il supporto e per la fattiva e appassionata collaborazione;

Tutti i docenti per la loro fattiva collaborazione

Il Dirigente Scolastico
Prof. Emanuele Rapisarda

e il DSGA Rag. Rosalba Pappalardo
per avere creduto, promosso e supportato le idee e averne resa possibile la realizzazione.

 

 

Progetto Scuola Arte – Laboratorio di Urban Art 2015/16

Anche quest’anno la Pestalozzi ha partecipato al progetto “Scuola e Arte” in collaborazione con il Comune di Catania e l’Accademia di Belle Arti. La prof.ssa Linda Cavallaro, referente del progetto, insieme alle docenti Diletta Colombrita e Claudia Gambadoro hanno supevisionato l’intervento di tutoraggio di tre studenti dell’Accademia per la realizzazione di un murales da parte degli alunni di 3E nella parete antistante l’entrata dell’auditorium nella succursale della nostra scuola. I nostri alunni sono stati protagonisti in ogni fase del progetto, dall’idea iniziale, alla stesura del bozzetto e alla realizzazione del disegno sul muro.

L’opera rappresenta alcuni alunni che guardano, attraverso un muro diroccato, un mondo fantastico e si chiama “ La pace dentro”.

Il murales realizzato al Viale Nitta

Il murales realizzato al Viale Nitta

 

I ragazzi che hanno partecipato al progetto Scuola e Arte

I ragazzi che hanno partecipato al progetto Scuola e Arte

 

Strada facendo scopro la mia isola

 

Il 31 maggio 2016 i bambini di cinque anni della sezione I del plesso Zona B di Scuola dell’infanzia sono diventati attori protagonisti del percorso strutturato all’inizio dell’anno scolastico sul progetto “Strada facendo scopro la mia isola” e si sono presentati tra canti, balli, racconti, giochi e poesie.

Gli alunni hanno acquisito competenze a livello linguistico, motorio, grafico-pittorico, spazio-temporale, inoltre hanno maturato positivamente la socializzazione con il gruppo classe e la relazione con coetanei e adulti.

Anche le docenti sono ritornate piccole con i loro alunni per far sì che i bambini imparassero divertendosi.

Un ringraziamento particolare va a tutto il personale della scuola per il supporto dato nell’allestimento della mostra, delle scenografie e di tutto quanto è servito alla riuscita della manifestazione, e naturalmente anche ai genitori per la disponibilità data nella preparazione di costumi caratteristici che hanno reso il tutto più bello.